Pesca sportiva

Acquario di Ariis

Attività scientifica

Tutela e vigilanza

Pesca professionale

Tutela e vigilanza

Guardie ittiche volontarie

Vigilanza ittica volontaria dell'Ente tutela pesca

La legge regionale n. 19/1971, istitutiva dell’Ente Tutela Pesca (ora Ente Tutela Patrimonio Ittico) assegnava all'ETP il compito di provvedere, in concorso con le Province e gli altri enti, alla vigilanza sull' esercizio della pesca nelle acque interne del Friuli - Venezia Giulia, anche mediante guardie giurate, da esso nominate e mantenute, ai sensi dell' articolo 31 del RD 8 ottobre 1931, n. 1604.

La vigilanza volontaria dell’Ente, nata nel 1974, annovera oggi circa 150 guardie ittiche volontarie a cui la legge riconosce la qualifica di polizia amministrativa e di polizia giudiziaria.

Grazie a queste persone ETPI garantisce la vigilanza sul rispetto delle norme che disciplinano la pesca in Friuli Venezia Giulia.

Compiti

Il Regolamento di servizio affida alle guardie ittiche il compito di accertare gli illeciti amministrativi e penali in materia di pesca e di tutela del patrimonio ittico, nonché quello di effettuare altri servizi come la tabellazione dei diversi tratti dei corsi d'acqua, l'assistenza alle operazioni di semina, la segnalazione di asciutte e di possibili inquinamenti, la presenza a mostre e fiere, la partecipazione ad attività didattico-divulgative, ecc ...

Il servizio è volontario e quindi interamente gratuito. L’ETPI provvede a fornire ai propri agenti uniformi, automobili e natanti di servizio, e ogni attrezzatura necessaria per lo svolgimento delle attività programmate.

Le guardie ittiche sono organizzate in 15 gruppi (corrispondenti ai 15 collegi di pesca in cui è suddivisa la Regione FVG) e a ciascuno di essi è preposto un coordinatore. Ogni gruppo cura la vigilanza nel proprio collegio e, previa accordi con gli altri gruppi, in altre aree della regione.

Il Regolamento prevede che per mantenere la propria nomina nella vigilanza volontaria ogni guardia debba raggiungere determinati livelli di operatività, corrispondenti all'effettuazione di un numero minimo di servizi di vigilanza, alla partecipazione alle riunioni di coordinamento e ai corsi di aggiornamento.

Periodicamente, l'ufficio polizia giudiziaria e amministrativa (UPGA) dell'ETPI cura l'organizzazione di incontri formativi tematici per la vigilanza, nonché la convocazione, di norma ogni due anni, di un convegno fra tutte le guardie ittiche. Lo stesso ufficio fornisce il supporto e l'assistenza per la gestione dei procedimenti sanzionatori, del materiale sequestrato, e per l'organizzazione della vigilanza congiuntamente ad altre forze di polizia.

torna su

Recapiti

Sede:                 UDINE, Via Colugna 3

Telefono:           (+39) 0432.551.210/215

Fax:                   (+39) 0432.48.24.74

e- mail:              etpi@regione.fvg.it

PEC:                  etpi@certregione.fvg.it

Orario:               9:00-12:00 da lunedì a venerdì

 

torna su

Personale

                 

 

qualifica

telefono

e-mail

Massimo Zanetti

Funzionario del Corpo forestale regionale - Coordinatore

(+39) 0432.551.215

massimo.zanetti@regione.fvg.it 

Anna Arivella

Specialista amministrativo

(+39) 0432.551204

anna.arivella@regione.fvg.it

Piero D’Olimpio

Maresciallo CFR

(+39) 0432.551.210

piero.dolimpio@regione.fvg.it

Ervin Zorzin

Maresciallo CFR

(+39) 0432.551.210

ervin.zorzin@regione.fvg.it

 

torna su

Coordinatori della vigilanza volontaria

 Il Regolamento di servizio organizza la vigilanza ittica volontaria in 15 gruppi, coordinati ciascuno da una guardia volontaria.

collegio di pesca

coordinatore

telefono

1

Gorizia 

Facchin Paolo   

(+39) 329.26.07.927

2

Sagrado - Monfalcone - Trieste

Giuriato Luigi    

(+39) 329.26.07.924

3

Pordenone

Moro Gianni

(+39) 329.26.07.864

4

Sacile   

Santarossa Iginio

(+39) 329.26.07.921

5

Maniago - Barcis             

Durat Mario

(+39) 329.26.07.882

6

Spilimbergo

Valla Domenico

(+39) 329.26.07.918

7

S. Vito al Tagliamento

Brun Ivo

(+39) 329.26.07.855

8

Pontebba          

Di Lenardo Riccardo

(+39) 338.26.38.568

9

Tolmezzo           

Lazzara Davide

(+39) 329.26.07.909

10

Gemona - S. Daniele

Agrimi Lucio

(+39) 329.26.07.906

11

Tarcento - Nimis

Passera Simone

(+39) 338.57.38.143

12

Udine  

Terrenzani Fabrizio

(+39) 329.26.07.861

13

Cividale del Friuli

Bernardis Marcello

(+39) 329.26.07.846

14

Codroipo - Latisana

Giavon Massimo

(+39) 329.26.07.894

15

Cervignano - Palmanova

Padovan Stelio

(+39) 329.26.07.891

 

         

torna su

Nomina

Per diventare guardia ittica volontaria è necessario il possesso dei requisiti previsti dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza per le guardie giurate particolari e specifici requisiti previsti da ETP.

Ai sensi dell’articolo 138 del Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773 (Testo unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) le guardie particolari devono possedere i requisiti seguenti:

  • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell'Unione europea
  • avere raggiunto la maggiore età ed avere adempiuto agli obblighi di leva
  • sapere leggere e scrivere
  • non avere riportato condanna per delitto
  • essere persona di buona condotta morale
  • essere munito della carta di identità
  • essere iscritto alla cassa nazionale delle assicurazioni sociali e a quella degli infortuni sul lavoro

Inoltre, il Regolamento per la nomina a guardia volontaria prevede i seguenti requisiti:

  • essere cittadino italiano
  • essere residente nel Friuli Venezia Giulia
  • avere raggiunto la maggiore età
  • essere in possesso del titolo di studio della scuola dell’obbligo
  • non aver subito condanna penale, anche non definitiva, né di avere procedimenti penali in corso di qualunque genere e natura, né di aver usufruito degli articoli 162 e 162 bis del C.P. e degli articoli 444 e 445 del C.P.P.
  • non aver subito, nei tre anni precedenti la domanda, sanzione amministrativa per violazioni alla normativa di salvaguardia del patrimonio storico, culturale, ambientale e naturalistico, nonché dell’attività faunistico venatorio ed ittica
  • essere in possesso dell’idoneità fisica allo svolgimento dell’attività di G.I., accertata da un medico del Servizio sanitario nazionale

Per essere ammessi nella vigilanza ittica volontaria dell’ETP è inoltre necessario frequentare un apposito corso di formazione organizzato dall'ETP, e superare un esame scritto ed orale finale.

L’organizzazione del corso è periodica, e subordinata al raggiungimento di un numero minimo di richieste.

Per manifestare l’interesse ad entrare a far parte della vigilanza ittica volontaria dell’ETP e quindi frequentare il corso di formazione, è possibile far pervenire agli Uffici dell’Ente l’apposito modulo.

Per informazioni e dettagli contattare: funz. CFR dott. Massimo Zanetti, tel. (+39) 0432.551.215, email massimo.zanetti@regione.fvg.it

torna su

Guardie ittiche volontarie