Pesca sportiva

Acquario di Ariis

Attività scientifica

Tutela e vigilanza

Pesca professionale

Comitato ittico

Articolo 10, legge regionale n. 42/2017 - Organo consultivo presieduto dall’Assessore regionale competente. È  finalizzato a supportare l’Ente nell’acquisizione di informazioni, valutazioni tecnico-scientifiche e proposte provenienti dai portatori dei diversi interessi coinvolti nell’attuazione delle politiche regionali per la gestione delle risorse ittiche nelle acque interne.

Dura in carica 5 anni ed è composto da

  • tre funzionari individuati rispettivamente dalla Direzione centrale competente in materia di risorse ittiche, dalla Direzione centrale competente in materia di biodiversità e dalla Direzione centrale competente in materia di idraulica;
  • sei rappresentanti eletti dai pescatori sportivi;
  • un rappresentante eletto dai pescatori professionali;
  • un rappresentante designato dall’Associazione piscicoltori italiani;
  • un rappresentante eletto dagli operatori ittici volontari;
  • un rappresentante eletto dalle guardie giurate volontarie;
  • un rappresentante designato congiuntamente dalle associazioni ambientaliste riconosciute;
  • un rappresentante designato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVE);
  • un rappresentante designato dall’Università di Trieste e un rappresentante designato dall’Università di Udine;
  • un rappresentante designato dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (ARPA);
  • un rappresentante dei Consorzi di bonifica designato dall’Associazione dei Consorzi di bonifica della Regione Friuli Venezia Giulia;
  • un rappresentante del comparto economico del settore pesca sportiva designato unitariamente dalle associazioni di categoria con sede in Regione.

Il Direttore generale di ETPI partecipa alle sedute del Comitato ittico senza diritto di voto.

Il Comitato ittico esprime parere sul piano di gestione ittica, sul programma delle immissioni, sui calendari di pesca e sulla determinazione dei canoni di pesca.

Esprime inoltre parere sullo schema dei regolamenti regionali di attuazione della legge regionale e anche su altri atti che possono incidere sulla gestione delle risorse ittiche nelle acque interne rispetto ai quali l’Amministrazione regionale o il Direttore generale dell’ETPI ritengano opportuno acquisirne il parere.

Il Comitato ittico inoltre formula proposte di indirizzo per le attività finalizzate alla valorizzazione delle acque interne e delle relative risorse ittiche e  propone strategie, obiettivi e criteri per la predisposizione e l’aggiornamento del piano di gestione ittica.